Pubblichi le foto dei tuoi figli su Facebook? Da oggi c’è la multa di 10.000 euro!

L’ultima notizia che ci è arrivata, riguarda un argomento molto discusso nel mondo sei social network: la pubblicazione delle foto dei bambini da parte dei loro genitori. Il 23 dicembre del 2017, è stata emessa un’ordinanza dal tribunale di Roma, con cui è stata presa la decisione di far pagare una multa molto salata, a tutti i genitori che pubblicano la foto dei propri figli minorenni, senza il loro consenso, sui diversi social network come Facebook, Twitter o Instagram.

Il tutto ha avuto inizio con la richiesta di un ragazzino di 16 anni contro sua madre, che pubblicava e commentava foto contro la sua volontà. Il giovane non ha accettato l’accaduto e si è rivolto al tribunale di Roma, chiedendo di essere tutelato. Non era mai stato attuato nulla del genere prima d’ora nel nostro Paese. La muta sarà di ben diecimila euro. Lo scopo è quello di tutelare i minori dall’orribile mondo dei social network. La legge stabilisce, con l’articolo 96 della legge sul diritto d’autore, che una persona non può essere esposta se non dietro il proprio consenso. Nel tempo si sono verificati episodi di ogni genere, dai pedofili, ai suicidi e, poiché i genitori, oggi, non sono in grado di tutelare i propri figli, ha voluto pensarci la legge. Tanti genitori, negli anni, dopo spiacevoli episodi, si sono ritrovati costretti a eliminare le foto dei propri figli o, addirittura, a cancellare direttamente l’account. Quindi, ogni genitore, se pubblica una foto del proprio figli su internet, deve essere consapevole, qualora accada qualcosa, che rischia una multa molto salata e che sarà costretto a rimuovere le foto.

Inoltre, in caso di separazione, ci deve essere il consenso da parte di entrambi i genitori. Un uomo ha fatto ricorso contro sua moglie, che aveva pubblicato una foto dei suoi figli piccoli, senza il suo consenso e questo è stato accolto. Le foto sono state eliminate.

Guardate:

D’altronde l’articolo 16 della Convenzione sui diritti del fanciullo, approvata nel 1989, serve a rafforzare la tutela dei minori.

Condividete per informare chi non è ancora a conoscenza della nuova ordinanza.

Entra in coma dopo il parto, ma poi, è avvenuto il miracolo

I dentini dei bambini: ordine di apparizione