La legge ha parlato: i minori di 14 anni dovranno uscire da scuola con i genitori

La legge ha parlato, a nessuno studente minore di 14 anni sarà permesso di uscire da scuola senza essere accompagnato da un genitore. Alle fine delle lezioni, quest’ultimi dovranno riprendere personalmente i propri figli e se se sono impossibilitati, non si vogliono sentire ragioni, dovranno trovare soluzioni alternative ed adattarsi agli orari scolastici.

La decisione è stata presa, principalmente, per via di un episodio, che sicuramente ricorderete accaduto diversi anni fa, in cui un bambino di 11 anni, uscito da scuola, è stato investito e ha perso la vita. Anche se è accaduto fuori dal perimetro scolastico, la scuola ne è stata comunque ritenuta responsabile, poiché il bambino poco prima era sotto la custodia dei docenti.

Si ritiene che un ragazzino al di sotto dei 14 anni, non sia in grado di badare a se stesso ne di prendere decisioni da solo. Superati i 14 anni, anche se si è ancora minorenni, si è considerati responsabili, visto a quell’età si può guidare e si può anche viaggiare all’estero!

Non saranno accettate nemmeno le liberatorie scritte e firmate dai genitori, con cui danno il permesso alla scuola di far uscire, da solo, il proprio figlio. La legge non lo prevede! Secondo l’articolo 591 del codice penale, si parla di “abbandono di minore”!

Quindi la scuola sarà ritenuta responsabile di non aver consegnato il bambino nelle mani del genitore e quindi verrà accusata, con i conseguenti provvedimenti dettati dalla legge. Questa è la decisione della Cassazione, una condanna contro presidi e docenti. “I genitori che le pensano diversamente, dovranno farsene una ragione”, conclude la ministra Fedeli.

10 errori comuni che ogni mamma commette

Pubblica una foto della sua bambina su Facebook ma un inquietante particolare scatena l’ira del web