Il nodulo sul collo di Mila

Paige Frank è una ragazza di venti anni che appena ha scoperto di essere incinta, era al settimo cielo. Ogni mese andava a fare la visita dal suo ginecologo ed ha scoperto che avrebbe avuto una bambina. Tutti gli esami erano buoni, nulla faceva pensare  a lei e al suo medico che qualcosa potesse andare storto.

Infatti il giorno del parto, la sua neonata è nata e stava molto bene. Dopo due giorni, Paige è potuta anche tornare a casa con Mila, la sua bambina. Tutto procedeva per il meglio. Però, un mese dopo l’arrivo al mondo della piccola, qualcosa di strano è iniziato ad arrivare. La mamma iniziò a notare una strana voglia sul collo di Mila, ma non capiva bene di cosa si trattasse. Il problema era che ogni giorno, questo strano nodulo cresceva. E’ arrivato fino alle dimensioni di una palla da tennis. Paige, preoccupata è andata subito in ospedale ed ha detto che ai medici che aveva paura fosse un cancro. Ma dopo diverse analisi e ricerche, i dottori hanno scoperto che non era quello che pensava la mamma, ma che era un’emangioma congenito, in pratica un accumulo di vasi sanguigni. Paige era contenta che si era sbagliata, ma era diventata ossessionata e controllava sempre le dimensioni di quel nodulo. Quando doveva uscire con sua figlia, non la faceva nemmeno toccare da nessuno perché aveva paura che quel nodulo potesse rompersi e creare problemi seri alla sua bambina, credeva che potesse accadere qualcosa di irreparabile.

Ma per qualche strano miracolo, tre mesi dopo quella brutta scoperta, il processo si invertì, la palla invece di crescere, diminuiva.

Finalmente dopo lo spavento iniziale una buona notizia è arrivata per questa bambina.

Mila è guarita ed ora sta bene. Vive la sua vita, spensierata e con tanto amore, come è giusto che sia.

Vi era mai capitato di vedere qualcosa del genere prima d’ora?

Trova una foto di sua figlia modificata sul web, mamma si indigna quando vede cosa le hanno fatto

Scatta una foto a sua figlia, mentre aspetta i suoi fratellini che escono da scuola.