giochi bambini

Scegliere giochi e giocattoli per i bambini durante l’infanzia non è difficile, poiché sul mercato ce ne sono tanti adatti per metterli alla prova e alimentare le loro capacità di pensiero, fisiche, linguistiche e socio-emotive.

Tuttavia è importante trovare quelli adeguati alla loro età e soprattutto che non siano pericolosi.

I bambini più piccoli sono grandi esploratori che imparano facilmente il gioco che gli viene offerto, e questa è una grande opportunità per fargli sviluppare e praticare nuove abilità in proporzione al loro quoziente di intelligenza in fase evolutiva.

A tale proposito ecco delle preziose linee guida per la scelta di giocattoli per i più piccoli e che possono essere utilizzati in vari modi.

Optare per giochi multipli

I bambini più piccoli amano smontare, rimettere insieme, tirare fuori, aggiungere e costruire.

Scegliere quindi dei giocattoli che gli permettono di eseguire molteplici operazioni (nel senso che il piccolo può giocarvi in diversi modi) è l’opzione gusta per fornirgli qualcosa di istruttivo e che lo incuriosisca a tal punto da fargli mettere a frutto le proprie abilità e capacità cognitive.

Ad esempio, blocchi di legno o di plastica di grosso spessore possono essere usati per costruire una strada, uno zoo, un ponte o un’astronave.

Questi giocattoli stimolano l’immaginazione del bambino e lo aiutano a sviluppare capacità di soluzione di problematiche che man mano si presentano e agire quindi con una certa logica.

Blocchi ad incastro come i mitici mattoncini Lego o anche giocattoli da usare con la sabbia e l’acqua, sono altri semplici esempi di oggetti che si rivelano fondamentali per bambini molto piccoli alla scoperta di un mondo tutto nuovo e per certi versi eccitante.

In riferimento a ciò, è altresì importante sottolineare che per evitare al bambino di usare questi giochi per solo due o tre giorni e che poi magari non toccherà mai più, per un genitore c’è la possibilità di rimediare cercando giocattoli che possano essere divertenti in diversi stadi dello sviluppo.

Ad esempio, piccoli animali in plastica sono ideali per un bambino piccolo che può creare una casa di cartone, mentre uno più grande può usarli per rivivere una storia che ha visto alla TV o al cinema.

Scegliere giocattoli che incoraggiano l’esplorazione

Il gioco offre ai bambini la possibilità di mettere in pratica le loro abilità; infatti, i giocattoli permettono di scoprire qualcosa di nuovo o da soli o con l’aiuto dei genitori, costruendo in tal modo la loro capacità di pensiero logico.

Inoltre gli consentono anche di sviluppare le abilità di relazione spaziale (capendo come stanno le cose insieme), ad ottenere la coordinazione occhio-mano e mettere in risalto le loro capacità motorie (usando i piccoli muscoli nelle mani e nelle dita).

Alcuni esempi di giochi e giocattoli per l’infanzia con queste caratteristiche formative sono puzzle, formine, blocchi di materiali da modellare come la classica plastichina e disegni artistici con l’uso di pastelli o pennarelli.

Inoltre da parte dei genitori è importante cercare dei giocattoli che stimolino l’immaginazione del bambino man mano che cresce, quindi significa capire se la sua creatività sta davvero decollando.

Cercare i giocattoli che il bambino possa usare mentre si sviluppa e si inventa storie, servono anche a fargli acquisire competenze linguistiche e di alfabetizzazione, abilità di problem-solving e la capacità di sequenziare (mettere i numeri o le lettere in un ordine logico).

Per fare degli esempi in merito a questa tipologia di giocattoli, parliamo di abiti ad incastro per una bambolina nel caso si tratti di una bambina o di corazze e armature per gli eroi dei cartoon per i maschietti.

Per questi ultimi, non deve mancare qualche grande scatola di cartone con all’interno aggeggi e oggetti vari come ad esempio le attrezzature in scala di una manichetta dei pompieri e il loro tipico camion.

Dare la possibilità al bambino di giocare con cose “reali”

Un bambino man mano che cresce diventa bravo a capire come funzionano gli oggetti nel suo mondo come telecomandi televisivi o interruttori della luce, e da ciò si evince che giocare con cose “reali” come il cellulare del papà o della mamma lo aiutano a risolvere i problemi, ad imparare a muovere le piccole dita delle mani per pigiare il pulsante di accensione ad esempio del dispositivo cellulare.

In riferimento a quest’ultimo vale la pena sottolineare che nei negozi specializzati e soprattutto negli store online ce ne sono degli specifici per l’infanzia che ad ogni tasto premuto consentono al piccolo di ascoltare ad esempio il muggito di una mucca, il miagolio del gatto o l’abbaiare di un cane.

Anche strumenti musicali, scope, spazzoloni, spazzole e palette per bambini servono a fornirgli l’istruzione adeguata fin quando non raggiungerà l’età che lo vedrà comunque già preparato e magari con un quoziente intellettivo maggiore di altri suoi coetanei.

A margine va aggiunto che ad un bambino prossimo alle prime classi della scuola elementare come giochi e giocattoli conviene fornirgli libri interattivi, lettere alfabetiche magnetiche e materiali d’arte come pennarelli e matite colorate che lo aiuteranno a sviluppare presto e nel migliore dei modi le abilità di scrittura e lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *