Già meravigliose a 6 mesi, oggi sono diventate le gemelle più belle del mondo

Le protagoniste di questa storia sono due gemelle identiche, Rose e Ava Marie Leah, nate in California il 7 luglio 2010. Non passò molto tempo, prima che la loro mamma, una donna di nome Jaqi, iniziò a ricevere commenti riguardanti la loro bellezza. Due bambine bionde, con gli occhi azzurri, due angeli meravigliosi.

Quando avevano soli sei mesi, spinta da centinaia di persone, decise di firmare un accordo con un’agenzia di modelle. Ma poi, avendo anche un bambino di due anni, si accorse che la loro vita divenne troppo frenetica e decise di rinunciare. Questo fino a quando Rose e Avav Marie non arrivarono all’età di sette anni, precisamente il 7 luglio del 2017. Questa mamma ha pubblicato una foto delle sue bambine sul suo profilo Instagram, non immaginando che sarebbe diventata virale. Centinaia di persone sono rimaste incantate dinanzi tanta bellezza. Queste due gemelle sono diventate le star del social network e le agenzie hanno iniziato a mandare loro proposte di lavoro. “Dissi alle mie bambine che avrebbe avuto la possibilità, oltre che a fare nuoto e danza, di lavorare come modelle. Hanno sempre amato essere al centro dell’attenzione, erano entusiaste all’idea”, racconta Jaqi. Oggi queste due meravigliose creaturine hanno firmato un accordo con due agenzie. Hanno vinto anche contratti con vari marchi e riviste di abbigliamento per bambini. Insieme a loro, ha posato, diverse volte, anche il loro fratellone maggiore, Chase. La loro vita frenetica, per adesso, li diverte da morire, anche se i loro genitori hanno un po’ paura per la loro infanzia. Eccoli tutti e tre qui di seguito:

Oggi la loro vita è un lavoro a tempo pieno che ha coinvolto tutta la famiglia:

Le bambine dichiarano di amarla e di essere felici così…

La loro bellezza ha colpito anche noi!

Ci auguriamo che continuino ad essere felici e a non rinunciare, allo stesso tempo, alla loro infanzia!

Lascia suo figlio alla fermata dell’autobus, ma poi…

Forma influenzale 2017/2018, tutto ciò che dovete sapere